Domani alle 15 Lazio-Bologna darà il via alla 26ª giornata: intanto noi concludiamo la nostra carrellata di consigli indicandovi quelli da non schierare. Tra di loro potrete trovare qualche nome importante, ma non abbiate timore a lasciarli fuori: essi possono rovinarti la giornata al fantacalcio, quindi stanne alla larga. 

PORTIERI (in ordine di schierabilità)  premi qui
DIFENSORI (chi schierare, chi evitare)  premi qui
⚽️ CENTROCAMPISTI (chi schierare, chi evitare)  premi qui
ATTACCANTI (chi schierare, chi evitare)  premi qui

Becao
Forse siete rimasti stregati da lui perché al suo esordio in Serie A segnò un gol e annichilì il Milan. Ma le sue qualità difensive sono pressoché mediocri, in particolare va in tilt quando ha a che fare con giocatori veloci. E alla Dacia Arena domani arrivano Chiesa e Vlahovic, non esattamente due trattori.

Caldara
Ha giocato due match dal suo ritorno alla Dea: uno in Champions League, l’altro in campionato un mese prima. In entrambe le uscite è stato insufficiente, complice uno stato fisico non al top. Aspettiamo tempi migliori prima di poterlo rimettere al fantacalcio.

Godin
Nelle prossime ore si avranno maggiori notizie su un suo eventuale impiego anche allo Stadium contro la Juventus. Ma noi già lo bocciamo solo all’idea: ormai sembra un ex giocatore di calcio.

❌Lucas Leiva
A Genova ha più volte rischiato il cartellino rosso con la sua irruenza tanto che Inzaghi alla fine l’ha sostituito per non correre rischi. Attenzione al malus.

❌ Bennacer
Il re dei cartellini gialli ingaggerà una bella battaglia con Behrami. É più probabile il solito malus che un eventuale bonus.

Veretout
Ha tirato la carretta per buona parte della stagione ora sembra a corto di fiato. Lo attende una battaglia contro il Cagliari e l’assenza di Pellegrini dovrebbe aprire le porte all’ingresso di Perotti che dovrebbe essere quindi il rigorista. Lasciatelo rifiatare in  questo turno

❌ Balotelli
Nonostante il Brescia giochi a Sassuolo, contro una squadra che concede in fase difensiva agli avversari, non ci sentiamo di consigliare l’ex giocatore del Nizza, che sembra essere entrato in un tunnel buio, un momento in cui non riesce ad essere utile alla sua squadra.

Lasagna
Se si poteva pensare che nella passata stagione potesse aver pagato i tanti problemi fisici, le prestazioni non sempre sufficienti di quest’annata ci rivelano che non fosse poi un bomber così tanto implacabile come aveva fatto intuire due stagioni fa. Si mangia tanti gol, spesso nemmeno centra la porta. 

Correa
Ha qualità, è vero, ma questa non è quasi mai supportata dai tempi di gioco: innamorato del pallone, rallenta la giocata, è poco concreto e sta anche pagando l’infortunio al polpaccio. Vedetevi la mezz’ora giocata a Marassi contro il Genoa, al 90′ Luis Alberto scattava, lui arrancava e non riusciva ad accompagnare l’azione. Da rivedere.

______________________________________________________________________________________________________________________________________
Seguici su Facebook | Instagram