Partito il Giro d’Italia numero 101, nel giorno di riposo arriva la nostra presentazione della corsa per quanto riguarda le varie squadre partecipanti e i favoriti alle singole maglie.
Nella tabella seguente potete vedere il ruolo che i vari corridori delle formazioni avranno nella corsa, così da avere sempre sott’occhio, per ogni tappa, i possibili protagonisti!

Il grande favorito di quest’anno è il campione uscente Tom Dumoulin, ma attenzione al tre volte vincitore del Tour de France, il sudafricano Froome e al colombiano Lopez, giovanissimo ma che regala spettacolo a ogni sua corsa. Le speranze italiane sono riposte in Domenico Pozzovivo e Fabio Aru, che spera di tornare su quel podio che l’ha già visto protagonista in maglia Astana nel 2014 e nel 2015. 

La lotta per la maglia ciclamino (relativa alla classifica a punti) sembra riservata ai velocisti che si giocheranno le tappe piane di questo Giro. Il campione olimpico dell’Omnium Elia Viviani è il grande favorito, forte di due vittorie già conquistate, seguono Sam Bennett, Modolo e Mareczko che cercheranno nelle prossime volate di battere lo sprinter della Quick Step. I big con tutta probabilità saranno tagliati fuori dalla conquista di questo premio.

La maglia azzurra di miglior scalatore è un premio ambito e visti i tantissimi arrivi in salita di questo giro, è molto probabile che possa essere conquistata da uno dei big della classifica, togliendo spazio ai corridori che cercano le fughe per conquistare i punti nei GPM lontano dal traguardo. Il grande favorito è Miguel Angel Lopez, con Aru e Pinot in ottima posizione per contendergliela così come Mikel Nieve, già maglia azzurra nel 2016.


La maglia bianca, simbolo del miglior giovane under 25 sembra spettare di diritto a Miguel Angel Lopez: il colombiano dell’Astana difficilmente perderà questa possibilità, relegando i suoi giovani avversari alle posizioni di comprimari, con la speranza per loro di poterci riuscire in futuro.


Infine, i cacciatori di tappe, quei corridori che tenteranno gli attacchi dalle media o dalla lunga distanza con l’obiettivo di portare a casa almeno una tappa: le stelle indicano la possibilità che ha il corridore di vincere almeno una tappa in questo giro.