La prova in linea di ciclismo ha offerto un grandissimo spettacolo, con lo storico oro di Carapaz che ha messo nel sacco i favoriti Van Aert e Pogacar. Ma il belga ha subito l’occasione per rifarsi. Domani va in scena la cronometro olimpica di Tokyo 2020. Ecco i consigli per FantaCycling (li trovi qui), targati WikiFanta.

Cronometro Tokyo 2020: Il Percorso

La cronometro olimpica si presenta come una corsa complicata, non adatta agli specialisti più puri ma a corridori in grado di reggere anche su brevi salite. Saranno ben 800 i metri di dislivello lungo i 44 chilometri di gara.

Partenza e arrivo sono previsti dal Fuji International Speedway, e proprio di circuito possiamo parlare. La gara infatti consiste in due giri intorno all’autodromo giapponese, da cui si esce solamente per affrontare la salita di 6 chilometri che porta al punto più alto del percorso. Non sarà un passo dolomitico ma inserito all’interno di una cronometro può sicuramene mietere vittime illustri.

Cronometro Tokyo 2020: I Protagonisti

Entrando nel dettaglio per quanto riguarda il FantaCycling, la corsa è di categoria 5, la più bassa. Per quanto affascinante quindi non vi porterà molti punti, e il nostro consiglio è di schierare i corridori che già avete. Nel caso ne aveste solamente un paio allora potreste pensare di investire un cambio per la cronometro di Tokyo 2020.

I nomi tra cui scegliere non sono poi molti, escludendo i nostri tre favoriti, uno dei corridori più quotati è sicuramente Remi Cavagna (15cr). Il francese al Giro d’Italia ha quasi battuto Ganna e anche se il percorso non è dalla sua il piazzamento lo porterà a casa. Parte un po’ da underdog ma Rohan Dennis (24 cr) l’anno scorso in salita volava e parliamo pur sempre di un tre volte campione del mondo a crono, quindi occhio all’australiano.

Stefan Kung (26 cr) non ha trovato le risposte che cercava al Tour de France, dove si era posto l’obbiettivo di vincere almeno una delle due cronometro. Difficile che riesca a riscattarsi qui a Tokyo, ma anche lui può ambire ad un piazzamento di rilievo. Possiamo poi inserire due coppie di compagni di squadra ma di nazioni diverse tra i possibili protagonisti. Joao Almeida (34 cr) e Kasper Asgreen (30cr) delle Deceunick possono sicuramente ben figurare, il percorso potrebbe favorire il portoghese se dovete scegliere. Stesso discorso per la coppia Astana formata da Ion Izaguirre (24cr) e Alexey Lutsenko (24cr), se in giornata possono sicuramente piazzarsi.

Ci sono poi due atleti reduci dal Tour che hanno sicuramente voglia di rifarsi come Primoz Roglic (52 cr) e la coppia Ineos formata da Geraint Thomas (27cr) e Richie Porte (30 cr). Lo sloveno può provare ad attaccare il podio, più difficile il compito per gli altri due.

Curiosità poi per Tom Dumoulin (26 cr), al rientro in attività. L’olandese proverà a strappare un buon piazzamento così come Patrick Bevin (10cr), Tobias Foss (4cr) e Brandon Mcnulty (12cr), che ha già sfiorata la medaglia nella prova in linea.

FantaCycling: i favoriti per la cronometro di Tokyo 2020

  • Wout VAN AERT (Belgio – 60 cr)
    E’ arrivato a Tokyo 2020 con l’obiettivo di fare doppietta, nella prova in linea si è accontentato dell’argento dopo che gli è sfuggito Carapaz. Ma nella cronometro si corre ognuno per se, e vista la sua forma sarà lui l’uomo da battere. Il percorso mosso lo favorisce rispetto a Ganna, ma parliamo di un atleta in grado di vincere in qualsiasi contesto.
  • Filippo GANNA (Italia- 29 cr)
    Top Ganna è il campione mondiale a cronometro è questo gli vale sicuramente i favori del pronostico, ma per battere il belga servirà un’impresa. Si annuncia come una delle sfide più tirate dell’Olimpiade e noi speriamo vivamente che Ganna si metta al collo la medaglia del metallo più prezioso. Anche qui i punti al Fantacycling sono sicuri e difficilmente scenderà dal podio.
  • Remco EVENEPOEL (Belgio- 34 cr)
    A differenza degli altri due il suo Tour è finito anzitempo a causa di una caduta, ma lo sloveno ci ha dimostrato in passato di saper reagire prontamente. Non sappiamo chi sia il capitano in casa Slovenia ma non è da escludere che sia proprio lui a puntare al podio olimpico se Pogacar fosse scarico. Comunque un piazzamento di rilievo dovrebbe portarlo a casa e vale la pena schierarlo. Il belga arriva nella posizione perfetta per questo Olimpiade di Tokyo, nessuno si aspetta molto da lui visto le recenti uscite. Noi ce lo giochiamo come jolly, perchè partendo senza pressioni può esprimersi al meglio e già due anni fa fu argento iridato nella cronometro dietro a Dennis e davanti a Ganna. Se ci aggiungiamo quel poco di salita che può aiutarlo il gioco è fatto. Non vi diciamo di spendere un cambio per lui, ma se vi piace il rischio.

SEGUICI SU: INSTAGRAM | FACEBOOK | TWITTER