Rieccoci puntuali come un orologio svizzero con un altro appuntamento di consigli per l’asta del fantacalcio. In quest’occasione tratteremo una particolare categoria di calciatori tanto sottovalutata quanto importante: quella dei giocatori in cerca di riscatto dopo una stagione al di sotto delle aspettative. Alcuni di loro hanno perso la stima di tanti fantallenatori, per cui potrebbero rivelarsi delle sorprendenti occasioni in sede d’asta.

Asta fantacalcio: i giocatori in cerca di riscatto

🥊 Juan MUSSO (Atalanta)
Per il portiere argentino la prima annata all’Atalanta è stata sotto le aspettative: non ha ripetuto i miracoli fatti con la maglia dell’Udinese, anzi diverse volte si è fatto trovare impreparato. Forse ha pagato la stagione no dei bergamaschi: senza coppe europee, la prossima deve essere quella del riscatto.

🥊 Stefan DE VRJI (Inter)
Nella scorsa estate non era stato acquistato a peso d’oro, però sicuramente era ritenuto uno dei difensori più affidabili; invece oltre a non aver avuto una media del 6 a fine stagione, non è riuscito a segnare neanche un gol (mai successo da quando è in Italia): vorrà sicuramente rifarsi!

🥊 Leonardo SPINAZZOLA (Roma)
Dopo l’infortunio avuto a Euro 2020 contro il Belgio, è rientrato per lo scampolo finale di stagione, (riuscendo comunque a giocare la finale di Conference League) ma ancora ovviamente non era al 100%; dopo la preparazione estiva ha rimesso chilometri nelle gambe, quindi confidiamo nel ritorno ai massimi livelli.

🥊 Alessio ROMAGNOLI (Lazio)
Nella conferenza di presentazione ha detto che il gioco di Sarri si addice più alle sue caratteristiche perché è fatto meno di uno contro uno, che lo portavano molte volte lontano dall’area di rigore; ritrovando il livello del primi anni al Milan può essere un buon affare all’asta.

I centrocampisti che devono riscattarsi

🥊 Filip DJURICIC (Sampdoria)
Ultima stagione passata quasi tutta in infermeria, per cui ovviamente molto deludente. Pr rilanciarsi è tornato nella sua prima squadra italiana, cioè la Sampdoria, in cui sicuramente avrà più minuti e meno concorrenza che al Sassuolo.

🥊 Luis ALBERTO (Lazio)
Il Mago vorrebbe tornare in Spagna, precisamente al Siviglia come confermato da Sarri; la passata stagione non è stata proprio deludente (5 gol e 10 assist) anche se da lui ci si aspettava di più, visto che era stato uno dei centrocampisti più pagati nelle scorse leghe: se dovesse rimanere scommettiamo in un suo rilancio a livelli top.

🥊 Roberto SORIANO (Bologna)
Se qualcuno ad agosto 2021 avesse detto che che l’italo-tedesco avrebbe finito la stagione scorsa senza neanche un gol, gli avrebbero dato del pazzo e invece è andata proprio cosi: dopo i 9 gol della stagione 2020/2021, non è riuscito a segnare. Nel prossimo campionato non può che migliorare.

🥊 Nicolò ZANIOLO (Roma)
La prima stagione dopo gli infortuni è stata di rodaggio, culminata però con il gol decisivo in finale di Conference dopo 2 reti in campionato, ma anche due cartellini rossi. Questa deve essere per forza l’annata del rilancio per il talento italiano. Da capire però che schema userà Mourinho perché avrà il posto assicurato solo nel 4231.

Asta fantacalcio: gli attaccanti in cerca di riscatto

🥊 Andrea PETAGNA (Monza)
Dopo due anni in panchina a Napoli, è arrivo il momento della sua riscossa: Galliani e Berlusconi lo hanno chiamato a guidare l’attacco del Monza; con la maglia della Spal aveva fatto benissimo, trovando addirittura 16 gol nella prima annata. Con i brianzoli può anche tornare a calciare i rigori, fondamentale in cui ha un ottimo 11-2 come score.

🥊 Hirving LOZANO (Napoli)
Pure per il messicano stagione in chiaro-scuro: ha fatto poco meglio della prima opaca stagione italiana ma molto distante dagli 11 gol del 2020/21. Partirà titolare sulla fascia destra, con alle sue spalle Politano: con l’assenza di Insigne e Mertens sarà lui uno dei protagonisti della stagione azzurra. Entra anche lui nella nostra formazione dei giocatori in cerca di riscatto.

🥊 Luis MURIEL (Atalanta)
All’inizio della scorsa stagione era considerato tra gli attaccanti TOP: veniva da due stagioni in cui aveva segnato 40 gol complessivi ed era stato il più decisivo dalla panchina. Invece un infortunio pesante ad agosto ne ha limitato l’utilizzo e la sua efficacia, tant’è che non è arrivato nemmeno in doppia cifra: senza coppe può concentrarsi solo sul campionato per tornare ai fasti di un tempo!

SEGUICI SU: INSTAGRAM | FACEBOOK TWITTER