Lewis Hamilton ci ha messo solo una gara a riconquistare la vetta del campionato e, dopo la vittoria conquistata in Francia, si presenta in Austria, alla seconda delle tre gare consecutive, forte di 14 punti di vantaggio su Vettel. Al Red Bull Ring la Mercedes ha dimostrato fin dal venerdì un ottimo adattamento al tracciato (cosa prevedibile, dal momento che le frecce d’argento hanno sempre vinto qua dal rientro del tracciato in calendario, nel 2014), ma la rossa ha risposto con ottimi tempi sia sul giro secco che sul passo gara, accendendo così la lotta per la vittoria. In qualifica invece la casa della stella a tre punte l’ha fatta da padrone, monopolizzando la prima fila con Bottas sorprendentemente davanti ad Hamilton per soli 19 millesimi, mentre le Ferrari si son dovute accontentare del terzo e quarto posto, con Vettel che però dovrà scattare dalla sesta posizione a causa di una penalità comminatali per aver ostacolato Sainz nel giro veloce. La gara si prospetta quindi molto calda e cruciale per il proseguimento del campionato, chi la spunterà?
Se avete dubbi su chi schierare al Generali FantaGPtentiamo di aiutarvi, sciogliendo i vostri dubbi.

GP D’AUSTRIA: TRACCIATO, CURIOSITÀ E STATISTICHE

Il Red Bull Ring (precedentemente noto come Österreichring, Circuito di Zeltweg e A1 Ring) è il tracciato di proprietà dell’azienda di Dietrich Mateschitz dal 2004, anno in cui uscì dal calendario iridato e fu comprato dal magnate austriaco per essere rimodernato e riportato gradualmente all’interno delle competizioni motoristiche. Dal 2014 è tornato a far parte delle gare del campionato di Formula 1 e da quel momento è stato feudo Mercedes, che ha conquistato 4 vittorie (2 Rosberg, 1 Hamilton e Bottas) e 3 pole position, lasciando la partenza al palo del 2014 alla Williams di Felipe Massa.
Il circuito, composto da 10 curve e lungo 4318 metri, è un classico tracciato stop&go nella prima parte, con dei lunghi rettilinei inframezzati da due curve a 90 gradi (Castrol e Remus) che, teoricamente, lascerebbero spazio a qualche sorpasso e sicuramente sono pesanti per i freni. La seconda parte del tracciato è più tecnica e tortuosa, con delle curve ampie e relativamente veloci, dove è impossibile cercare il sorpasso ed è complicato anche seguire la vettura davanti, perdendo il carico aereodinamico per l’effetto scia. L’ultimo settore, composto da 3 curve, assume importanza nelle ultime due, la Rindt e la Red Bull Mobile: è infatti fondamentale sfruttare al meglio l’uscita per poi avere un’ottima accelerazione nel rettilineo del traguardo. Importante segnalare che sono previste tre zone DRS (contro le 2 delle passate stagioni) che modificano l’approccio al setup su questo tracciato, in passato un compromesso inevitabile tra la necessità di basso carico sui rettilinei e di alto carico nella parte più tortuosa.

QUALI SCELTE FARE AL FANTAGP?

Premendo sul tweet appena sopra trovate i risultati delle qualifiche del Gran Premio d’Austria. Ora vi indichiamo, con un indice di affidabilità indicato dalle stelline, quali potrebbero essere le scelte migliori (e peggiori) per il Fantateam.

✅ CHI SCHIERARE:

★★★★★ BOTTAS (90 crediti, 1ª fascia): su questa pista si trova a suo agio come su poche altre, qua ha conquistato il primo podio della carriera e vorrà sicuramente ripetere il risultato dell’anno scorso: la pole position c’è, per la vittoria domani venderà cara la pelle!

★★★★ VETTEL (100 crediti, 1ª fascia): aveva limitato i danni col terzo posto, ma la penalità lo farà scattare dalla terza fila e lo costringerà ad effettuare una gara d’attacco, nella speranza che partire con le gomme Ultrasoft gli dia un vantaggio al via. Potrebbe recuperare posizioni rispetto allo start e il passo gara è ottimo, perciò lo consigliamo.

★★★ LECLERC (50 crediti, 3ª fascia): anche oggi ha fatto il suo qualificandosi tredicesimo e ridicolizzando il compagno di squadra (ultimo). La penalità per la sostituzione del cambio lo farà partire dalla diciottesima posizione, e questo gli darà la possibilità di mettersi in mostra anche con i sorpassi, cercando di recuperare le posizioni perse.

★★ HARTLEY (30 crediti, 3ª fascia): anche per lui il confronto col compagno di squadra in qualifica è impietoso: Gasly infatti parte dodicesimo, lui solo da una mesta diciannovesima posizione. In gara però riesce quasi sempre a rimontare, perciò potrà portare buoni punti.

★ GROSJEAN (25 crediti, 3ª fascia): il compagno di squadra lo sta ridicolizzando in quanto a punti in classifica, ma il buon Romain non ha perso la velocità che lo ha contraddistinto nel passato: scatta dal quinto posto e se riuscirà a non combinare guai in gara può raccogliere un gran risultato per la Haas.

❌ CHI EVITARE:

RICCIARDO (85 crediti, 1ª fascia): dopo la vittoria di Monaco, le sue gare sono diventate un calvario per via dei problemi alla power unit Renault: costantemente dietro il compagno di squadra e addirittura qualificatosi dietro alla Haas di Grosjean, rischia di essere in difficoltà e di subire qualche sorpasso per via della poca potenza. Rimandato.

VANDOORNE (45 crediti, 3ª fascia): non è il pilota a essere sconsigliato, Stoffel è pur sempre campione GP2 e un ottimo talento, ma questa McLaren è disastrosa, lenta e pure fragile (si sono rotte due ali al solo passaggio sui cordoli), tanto che pure Alonso fa una fatica immensa. Meglio cercare altrove!

🏎 SCUDERIA:

La scelta consigliamo la Mercedes (110) che, sia perché occupa tutta la prima fila, sia per la penalità di Vettel, ha tutte le possibilità di fare doppietta al Red Bull Ring.

🏎 BONUS STRATEGIA + PREDICTION:

1/2 Pit Stop;

1) Quale tra questi piloti si posizionerà meglio in classifica al termine della gara? (Stroll, Ericsson, Hartley) STROLL;

2) Quanti piloti finlandesi ci saranno sul podio al termine della gara? 1;

3) Quali tra queste scuderie totalizzerà più punti in questa gara? (Force India, Haas, stessi punti) HAAS.