La Champions e l’Europa League hanno emesso i suoi primi verdetti e la Premier League torna con la 12ª giornata: noi di Wikifanta vi consigliamo tre nomi che possono fare al caso vostro e che potete acquistare al Fantasy Premier League, e tre nomi che dovrete assolutamente evitare!

SEAMUS COLEMAN

Gravato da un durissimo infortunio, Seamus è finalmente tornato, e con lui il primo clean sheet dell’Everton. Parentesi United esclusa, Seamus ha segnato contro il Brighton e sfiorato il clean sheet, raccogliendo due punti bonus. Al momento lo hanno solo 40000 fantamanager, un’occasione irripetibile di prendersi il difensore dei Toffies a soli 5.2, prima che il prezzo, comprensibilmente, salga. Coleman sarebbe un terzino da bonus “a palate”, e se aspettate ancora una giornata (il Chelsea non è l’avversario giusto), potrete trovarvi 3 clean sheet buoni buoni: Cardiff, Newcastle e Watford. Keep an eye on him!

RAHEEM STERLING

Il prezzo è irrimediabilmente alto: 11.1£. La concorrenza c’è eccome: Sané, Bernardo Silva, Mahrez… Ma Guardiola finora lo ha fatto riposare solo in 2 match. Raheem sembra continuare ciò che di incredibile ha fatto vedere lo scorso anno, e i numeri ce lo fanno capire: 6 gol e 5 assist, 21 punti contro il Southampton. Uno stato di forma strabiliante che non sembra poter terminare, basta guardiate il 6-0 contro lo Shakhtar: gol e assist per lui. Le fixtures non vanno nemmeno considerate, poiché il City è sempre più tritatutto, con goleade che arrivano sempre più spesso. Allora Hazard-Sterling-Salah: centrocampo stellare. Fast and Furious.

ALVARO MORATA

Finalmente! Non se ne parlava neanche più, da quanto era finito in basso nelle gerarchie di Sarri: solo 1 centro nelle prime 7 gare, con 3 apparizioni dalla panchina. Poi ha segnato da subentrante contro il Southampton. E di nuovo contro il Burnley, avendo notevole sfortuna a non fare almeno 2 gol. Infine, nel 3-1 contro il Crystal Palace, ha sfoderato una doppietta, trascinando la squadra alla vittoria. Il prezzo è moderato (8.7) e il calendario offre solamente due big nelle prossime 12. Investimento a lungo termine? Se continua con questo stato di forma, va preso al più presto! No more excuses.

HARRY MAGUIRE

Quasi un manager su 7 ha Maguire nel proprio team. Nonostante il Leicester non sia riuscito a mantenere per più di due volte la porta inviolata in questa stagione, Harry ha garantito per chi ha riposto fiducia in lui, con 2 gol e 1 assist. Il calendario stava sorridendo, i clean sheet e i bonus erano a portata di mano, quando…..al 26′, contro il Cardiff, il povero Maguire è stato costretto a lasciare il campo per un infortunio al ginocchio. Sembra trattarsi di una cosa abbastanza seria, come per Maddison, stesso infortunio. Quindi, a malincuore, dobbiamo dirvi di venderlo.

RYAN FRASER

Che sorpresa questo ragazzo! Prima impiegato come mezzala, poi come ala nel 433, ha riportato la bellezza di 64 punti, 3 gol e 5 assist. Tutto per la modica cifra di 6.1! Un vero e proprio regalo! Adesso però è giunto il momento di fargli fare le valigie. Il calendario del Bournemouth sinora è stato più che favorevole, ed anche questo ha permesso a Fraser di poter andare così tante volte a bonus. Ma adesso, a parte la gara fuori casa contro il Newcastle, le cose si mettono davvero male per gli uomini di Puel. Nelle prossime 9 gare dovranno affrontare 5 delle big six, le squadre più forti del campionato (ARS, LIV, MUTD, MCI, TOT, CHE). It’s time to go, Ryan!

WILFRIED ZAHA

Ok, che Zaha sia un giocatore forte non c’è alcun dubbio. Stupisce infatti che sia ancora al Crystal Palace a 25 anni, quando potrebbe benissimo giocare in una grande squadra. Forse per le sue simulazioni, forse perché non ha tanto gioco di squadra. Di sicuro, non deve far parte del team di un manager di FPL in questo momento. 38 punti in 10 gare, media di 3,8 punti a partita: bassa, decisamente troppo bassa. Spurs e Manchester United sono i prossimi avversari delle Eagles: al momento le opzioni sono due.
1. Fuori Zaha, dentro Murray, Rashford o Arnautovic
2. Fuori Zaha, dentro Kamara, Reid o Success, in modo da potersi permettere un altro big a centrocampo o in attacco. It’s up to you.