Bologna-Genoa (Sabato 24 Febbraio 18.00): apre le danze lo scontro tra rossoblù, ma il vero pericolo è il meteo, la neve che sta ricoprendo Bologna rischia di causare il rinvio del match con il 6 politico per tutti i giocatori coinvolti.
Molte conferme e poche variazioni per Donadoni, Palacio ne avrà per un mese quindi si va verso la riconferma del tridente Orsolini-Destro-Di Francesco, dietro rientrano Mbayè e Masina ma deve scontare un turno di squalifica De Maio, al suo posto Helander.
Anche per Ballardini pochi cambi rispetto alla gara con l’Inter, Bessa si è guadagnato un posto in mediana mentre, in attesa del pieno recupero di Taarabt, davanti ci saranno nuovamente Galabinov e Pandev.
Inter-Benevento (Sabato 24 Febbraio 20.45): sembra incredibile ma nelle ultime dieci gare le due squadre hanno collezionato lo stesso numero di punti: 9. L’Inter ha bisogno assoluto di vincere per risollevare la testa dopo il momento peggiore della gestione Spalletti.
Icardi, dopo tre gare in tribuna a causa di un risentimento muscolare, viene convocato da mister Spalletti, ma Eder appare ancora il candidato a guidare l’attacco, supportato dal rientrante Perisic e da Rafinha, che si fa preferire a Borja Valero. Ancora out Miranda.
De Zerbi valuta le condizioni di Cataldi, non ancora al meglio, con Viola pronto al suo posto. Davanti Brignola, Guillherme e Lombardi, fuori Coda.
Crotone-SPAL (Domenica 25 Febbraio 12.30): scontro salvezza che significa molto per entrambe le squadre, con i ferraresi all’ultima spiaggia visto la panchina sempre più bollente di Semplici, a cui non verrà perdonato un errore contro una concorrente diretta.
Zenga varia poco rispetto alle ultime gare, il tridente Ricci-Trotta-Nalini offre le garanzie maggiori al momento, Budimir quindi siederà nuovamente in panchina. Dietro Faraoni si conferma prima scelta sulla fascia.
Semplici recupera Cionek dalla squalifica e il polacco prenderà il posto di Felipe. Paloschi insidia Floccari per un posto al fianco di Antenucci mentre sull’esterno si rivede Mattiello dal primo minuto.
Fiorentina-Chievo (Domenica 25 Febbraio 15.00): squadre poco motivate e apparse fin troppo rilassate nell’ultimo periodo, all’andata i veneti sorpresero gli avversari che questa volta vogliono i tre punti. Anche qui le condizioni meteo potrebbero riservare sorprese.
Pioli non cambia il suo tridente, Thereau ancora out con Gil Dias dal primo minuto. L’esordio in mezzo al campo di Dabo è più di una idea, vista la squalifica di Badelj.
Maran recupera Tomovic ma è possibile venga preferito ancora il giovane Bani, si ferma Giaccherini in mezzo al campo sostituito da Bastien. Davanti Meggiorini favorito su Pucciarelli.
Hellas Verona-Torino (Domenica 25 Febbraio 15.00): la difesa dell’Hellas deve tenere testa al Gallo Belotti, potrebbe essere la gara della svolta o del fine corsa per Pecchia, i tre punti sono d’obbligo ma i granata devono rifarsi della delusione del derby.
Centrocampo da ridisegnare per Pecchia, Buchel si è fermato e Aarons non ha ancora dimostrato il suo valore: si va verso la coppia Valoti-Calvano. Davanti fuori Cerci e Matos giocano Kean e Petkovic.
Nessun cambio in vista per Mazzari, nonostante la sconfitta nel derby piena fiducia negli stessi undici con l’unico dubbio che riguarda l’utilizzo di Lyanco.
Sampdoria-Udinese (Domenica 25 Febbraio 15.00): a Marassi si preannuncia un match molto aperto e ricco di gol, due squadre più propense all’attacco che alla difesa si scontrano, ma i friulani nelle ultime partite sono sembrati più scarichi e meno brillanti rispetto agli avversari.
Giampaolo deve risolvere due situazioni: Linetty pare favorito su Praet per un posto a centrocampo mentre Zapata non sembra in gran forma e rischia il posto a favore di Caprari, con Ramirez a supporto delle due punte.
Cambio modulo per Oddo, la doppia assenza delle sue prime punte fa propendere per un 4-3-3 con l’avanzamento di Jankto sulla linea offensiva, al fianco di De Paul e Maxi Lopez. In mezzo tra Barak e Fofana torna Halfreddson.
Sassuolo-Lazio (Domenica 25 Febbraio 15.00): Iachini non se la passa troppo bene e continua a galleggiare appena sopra la zona salvezza, la visita della Lazio non promette niente di buono e le difficoltà offensive della squadra non migliorano la situazione.
Squalificato Goldaniga torna in auge la candidatura di Lemos per un posto al fianco di Acerbi, per il resto pochi dubbi per il tecnico, da valutare le condizioni di Politano.
Inzaghi potrebbe cambiare qualche interprete in vista della Coppa Italia, Lulic potrebbe cedere il testimone a Lukaku così come Marusic a Basta. Davanti non si cambia nulla con Luis Alberto a sostegno di Immobile.
Juventus-Atalanta (Domenica 25 Febbraio 18.00): gara delicata per i bianconeri che spesso si sono trovati in difficoltà ad affrontare gli orobici, reduci dalla cocente eliminazione dall’Europa League e che avranno certamente voglia di riscatto immediato nonostante l’avversario proibitivo.
Allegri deve fare i conti con molte assenze: il tridente sarà Dybala-Mandzukic-D.Costa, in mezzo al campo torna Matuidi ma non è detto che parta dal primo minuto. Dietro torna Benatia dopo il turno di riposo.
La solita rotazione difensiva per Gasperini a farne le spese è Caldara che siederà inizialmente in panchino. A supporto di Petagna ci saranno Ilicic e Cristante, solo panchina per Gomez.
Roma-Milan (Domenica 25 Febbraio 20.45): big match con vista sulla Champions per rossoneri e giallorossi, entrambi reduci dalle fatiche europee: chi avrà maggior freschezza e cattiveria potrebbe sorprendere l’avversario.
Torna Kolarov sulla destra mentre sul lato opposto potrebbe esserci B.Peres visto l’influenza di Florenzi. Tridente con Dzeko, Under e uno tra Perotti ed El Shaarawy.
Dopo il riposo concesso in Europa ad alcuni titolari, Gattuso presenta la squadra migliore con Cutrone preferito al rientrante Kalinic e Abate al posto dell’infortunato Calabria.
Cagliari-Napoli (Lunedì 26 Febbraio 20.45): campo amico per i partenopei che, dopo l’eliminazione dall’Europa League, sono chiamati a concentrarsi esclusivamente sul campionato e a difendere il punto di vantaggio sulla Juventus inseguitrice.
Barella vice Cigarini e Romagna per Ceppitelli sono le novità più importanti in casa sarda, la coppia d’attacco sarà Sau e Pavoletti con Joao Pedro a sostegno.
Pochi titolari hanno riposato nella trasferta di Lipsia, ma ciò non impedisce a Sarri di schierare la miglior formazione possibile: tutti disponibili e nessun cambio in vista.